lunedì 30 novembre 2020

Valerie. When I “met” Amy Winehouse. Ep I

 







This is a true story. it shows that the Magic of Life moves in a thousand mysterious, inscrutable ways and that is highly vain and foolish to speculate strategies in order to achieve something in particular, when, in the field of the pure Spirit, we not only have everything, but we are Everything. Always and forever.

The story also goes to show how the Dimensions we call Life and Death are but two rooms in the same building, amplifying and giving deep meaning to each other, in a relationship that only our total unpreparedness for subtle perceptions forces us to interpret with terror.

If you are reading these lines it means that this is the time for you to welcome this message, otherwise you would not be here now.

And it also means that you are grandly loved and seen.

Light and Energy to you,

Valerio


It’s July 2011.

People only talk about a young English singer, who died at 27, named Amy Winehouse.

When the news spreads, I find myself sprawled on the sofa of a beautiful resort in Puglia - Italy, in full holiday mood, lazily scrolling my mobile screen. I read of this incredible voice, forever extinguished in her sleep by a fatal mixture of strong drinks. The media circus is on fire, with the usual images of flowers, candles and rows of

heartbroken fans in front of her house.  I personally only approximately know her as one of those weird characters, super pumped by media, just MTV stuff.

I remember thinking something like: "she had it coming" or something like that.

A moment of cynicism which I would have regretted bitterly, after a few weeks, almost like Saint Peter at the

triple crowing of the cock.

And that "rooster" was about to crow loudly, splitting my life - as a man and as a musician - in two.

I grew up in a peaceful, perfect family, full of love and harmony.

I was thirty at that time, an employee but also a passionate musician who had been since adolescence

keen on live music, recording sessions, communication and so on.

Like everyone, I followed a healthy ambition, I wanted to “crush it”, to break through. I would daydream about gigs, San Remo Festival and the like.

"Life is one!" "You only live once!" These used to be my mantras.

That summer, however, I was about to be transported to a completely different dimension, in which I would have understood in an unequivocal and disarming way that we live on infinite planes of existence, that the linearity of time is a mere perspective illusion and that what we call “death” is not the annihilation of life, but infact, its glorious explosion.


End of Ep. I

Valerio Mattei

Nov. 2020

valeriomattei.com


mercoledì 25 novembre 2020

Valerie. When I “met” Amy Winehouse. Ep III



January 2014

One evening, long after these facts, someone wrote me in a chat that Amy's mom, Miss Janis, is on Twitter and likes to interact with her daughter's many fans who contact her. «Why don't you send your song to her?» Again that feeling of being thrown out of time, again that "Why don't you come on over, Valerie?" It's a moment. I choose the wisest words possible, trying at all costs to safeguard the purity of my intention and of this incredible epiphany from any possible suspicion of looting and mythomania. So the most important tweet of my life so far was sent.


I don't think it has been more than five minutes. My phone vibrates. The notification is there. It says: "Angels are singing lullabies [quoting the last verse of my song]. Wonderful, thanks. Janis".

Those few words were making sense for whole months of what I had begun to think was sheer madness. 

But it wasn't over.

After a few days, Miss Janis invites me to London for tea, in order to know my story. 

By “fate" (now I know it was pure synchrony) I had already booked a flight to London, to celebrate the 30th birthday of my brotherly friend Alessandro, who had moved for some time to the city of the Big Ben. Everything synced up. Life was really teaching me that nothing can be forced. What has the strength to happen also has a reason to happen.

True Magic deserves to be awaited because it can repay you for a lot of work, disorientation and questions, overnight.

And that night (one of the most beautiful and unforgettable ones of my life, of course) I find myself being driven across London in the back seat of a luxurious black car, with a driver, like I was a “James Bond” of the Eternal.

As I get in front of this pub, I see Miss Janis and her partner from the window, already sitting at the table. It is a series of indescribable moments and emotions, yet I will try to give an idea. We say goodbye, I sit down and I begin to tell everything from the beginning, feeling a sense of relief growing in me, a birth, a huge energy that had to be unloaded to the ground, through my person and my story.

As I told the whole story, everything became clear: Amy wanted to go back to her mother, make her understand that her energetic essence was alive, eternal and indestructible. And she wanted the world that the same goes for everyone and everything. Again I perceived myself as a simple and unconscious channel, acted by the Spirit (or Soul, or God or Light or "Frank" or "Mary" or whatever name you prefer ...). I was sunk in a sense of the highest respect and reverence, both for the immense pain of the person in front of me, and for the concatenation of inconceivable sensations, events, synchronicities, places and people that after a long time came to open up like a wonderful flower in front of my eyes.

As we were leaving the place (after a sandwich and a beer that I have not even touched, the way my guts were twisted), Mrs. Janis and her partner ask me, very naturally, what plans I had for the next day. I feel a slight dizziness and said that I was absolutely free (of course!). They invited me again, this time at their place, to see Amy's awards (which, just to say, were the Grammy Awards, the Oscar of pop-rock music...) and to play Amy's guitar, (!!!). At that moment, again, that "why don't you come on over ... Valerie" quote resounded in me; I felt the true Magic sparkling in my whole Being and lighting up the whole of London.

The next afternoon, I would enter that house where Amy herself, through that song with my name, had been attracting me for some time now.

Only an image can convey the idea of that moment.

The living room, a photo of Amy in a frame placed on the TV cabinet (a "family" photo, not a poster or a commercial photo. I assure you that it is an incredible emotion to perceive this difference from inside the dining room of the person in the photo…. in front of her mother).

Under that photo… a copy of my album, which I had brought to Janis the night before.

My cd under her photo. Just that cd that without this episode now perhaps would still be in the realm of Ideas. The circle was complete. The Spirit had used me to shine a light in the darkness of that heartbreaking story. To testify to that family and to anyone who reads this story (also documented in the video of my song "Amy") that what we call "death" (and that human beings has always seemed to bask sadistically to dress with a cloying and unpleasant imaginary of objective correlatives and attitudes which further exacerbate the pain without in any way reflecting the actual state of reality) is simply a change of energy state.

It is a switch, through which the Energy that we are and our mind - of which we have not yet known all the devastating potential - are released from the limits of a necessarily limited perception, and open up like a fan, blossom like a rose in the inconceivable dimension of the Whole, where we manage to be in every time, in every place and next to anyone, always.

Thinking that my existence could have served to put me in a position to witness this splendid reality and to act as a bridge between a mother on Earth and a daughter in Heaven, after a tragedy like that, it's something that still gives me chills everywhere.

The disarming humanity of Mrs. Janis always accompanies me.

Every now and then I send her a short greeting message and shortly after she kindly greets me back.

Of course, for her and her lovely life companion, I am… Valerie.



The End



Valerio Mattei 

Rome, November 2020

valeriomattei.com



Valerie. Il mio “incontro” con Amy Winehouse. Ep II














 Agosto 2011

Ampiamente rientrato dalle ferie, sto facendo stretching a casa, dopo l’ufficio. Saranno le 18.30. All’improvviso nella mia mente zampilla dal nulla la musica di Back to black di Amy, forse l’unica che conoscevo un filo meglio, del suo repertorio. Non riesco a resistere, mi siedo al piano, trovo gli accordi. 


«He left no time to regret…» nel giro di poco la padroneggio abbastanza bene. «Ma... aspetta un attimo… - mi dico interrompendo bruscamente di suonare - che mi metto a fare… le cover della Winehouse?» Da interprete maschile infatti, non è molto usuale affrontare repertori femminili, per un fatto di testi, vocalità, registri ecc.…Ma soprattutto volevo davvero mettermi a confronto con una voce del genere? Falso problema. Qualcosa aveva già iniziato a cantare attraverso di me, che io fossi d’accordo o meno. La mia voce suonava diversa, la mia gola si muoveva diversamente, in modo quasi automatico. Come se un gigantesco file di aggiornamento fosse stato scaricato da chissà quale server remoto. Non era questione di imitare, ero sempre io con la mia voce, ma c’era una forte sfumatura in più, c’era qualcuno che cantava in me, e mi pregava di non fermarmi, di non fare resistenza, di lasciarmi andare senza paura. Ero solo un canale. Si fece buio, dimenticai quasi di cenare, niente, dovevo continuare. Nel giro di poco imparai diversi altri brani, e da quel momento studiai tutto ciò che trovavo su questa donna, spesso piangendo e chiedendomi sbigottito come fosse possibile struggersi di nostalgia per qualcuno che hai incontrato – si fa per dire – solo dopo la sua morte. Come puoi sentirti francamente avvilito e triste per una persona che non hai mai incrociato neanche artisticamente? Torno a dire: non ero un fan, non conoscevo quella donna (di nuovo San Pietro…)

Un giorno in ufficio, il mio collega Ewan (“casualmente” di origini inglesi) mi suggerisce di imparare anche Valerie, altro brano molto celebre di Amy, anche se in realtà è una cover dell’originale scritto e inciso da una band chiamata Zutons. È carino, agevole, ok lo imparo. Sto davanti a You Tube a studiare accordi, parole ecc. Poi, in un istante che ricorderò per sempre, lei guarda la telecamera e canta: «Why don’t you come on over, Valerie?» 

Il tempo si ferma, la mia mente razionale si congela. 

Sembra uscire dallo schermo, è materia viva.

Spiego a parole ciò che in quel millesimo di secondo mi ha colpito tutto insieme, come un unico pacchetto di informazioni, con la potenza, la velocità e la luminosità di un fulmine: “Why don’t you come on over” è traducibile con “perché non torni a casa” o anche “perché non vieni da me”. Il senso è quello.

E per quanto riguarda “Valerie”…leggete il mio nome alla fine di questo articolo e…benvenuti nella multidimensionalità.

Inizia da allora una simbiosi mistica. Parlo con lei mentalmente e a voce alta quando sono da solo, la sento, è una presenza vera, pulsante, reale.

Questa elettricità che sento dentro mi scuote anche da un periodo di inerzia artistica in cui mi ero ormai arreso alla routine lavorativa, accantonando le mie idee sine die.

Emergono nuove collaborazioni, idee, spunti, risorse economiche, mi rimetto in moto, stento a riconoscermi, e tutto senza avere la minima idea di cosa stia accadendo.

Dopo due anni il mio primo album sarebbe stato una realtà. 

In questo disco c’è un brano, intitolato appunto “Amy”, che pochi mesi dopo la sua pubblicazione avrebbe finalmente dato un senso enorme a tutto questo.


Fine Ep II

Valerio Mattei

Novembre 2020

valeriomattei.com

Valerie. When I “met” Amy Winehouse. Ep II









It’s August 2011

Back from my vacation, I am doing stretching at home, after the office. It’s about 6.30 pm. All of a sudden in my mind the music of Amy's Back to black gushes out of nowhere, perhaps the only one I knew a little better in her repertoire. I can't resist, I sit at the piano and “find” some chords.

«He left no time to regret…» within a little while I mastered the song quite well. "But...wait a moment ... - I say to myself, as I abruptly stop playing – what am I planning to do ... a tribute to Amy Winehouse?" As a male interpreter, in fact, it is not very usual to perform “female-singer” repertoires. But, most of all… did I really want to compare with a voice like that? False issue. Something had already started singing through me, whether I agreed or not. My voice started to sound different, my throat moved differently, almost automatically. Such as if a huge update file was being downloaded from who knows what remote server. It wasn't a matter of imitating someone, it was always me with my voice, but there was a strong one extra nuance, there was someone singing in me, and begging me not to stop, not to resist, to let myself go without fear. I was just a channel. 

It got dark, I almost forgot to have dinner, there was nothing I could do about it, I had to continue. Within a short time I learned several others passages, and from that moment on, I studied everything I found about this woman, often crying and wondering in amazement how it was possible to yearn for someone you met - so to speak - only after his death. How can you feel frankly dejected and sad for a person you've never met even artistically?

As I said before infact: I was not a fan, I did not know that woman (again Saint Peter…)

One day in the office, my colleague Ewan ("casually" of English origin) suggests me to also learn “Valerie”, another very famous song by Amy, even if it was actually a cover of the original one, written and recorded by a band called The Zutons. It was nice and easy, so I went for it.

Now imagine I'm in front of YouTube watching Amy’s video and studying chords, lyrics, etc. Then, in an instant that I will always remember, Amy looks at the camera and sings: «Why don't you come on over, Valerie?»

Time stops, my rational mind freezes.

She seems to come out of the screen, it all become a real living thing.

I’ll try to explain in words what in that precious millisecond struck me altogether, like a single package of information, with the power, speed and brightness of the lightning.

«Why don't you come on over» carries a meaning like: "why don't you come home" or "why don't you come to me ”. That is the main sense of that verse.

And as for “Valerie”… read my name at the end of this article and… welcome to multidimensionality.

Since then a mystical symbiosis began. I started to talk to her mentally and out loud when I am alone, I feel it, it is a real, pulsating, real presence.

This electricity that I feel inside also shakes me from a period of artistic inertia in which I had then surrendered to the work routine, putting my ideas aside indefinitely.

New collaborations, ideas, economic resources emerge, I get back on my feet. I can hardly recognize myself, and all without having the slightest idea of what was happening.

After two years from then, my first album would have been a reality.

In this record there is a song, entitled "Amy", which a few months after its release would finally have given enormous meaning to all this.


End of Ep II

Valerio Mattei

November 2020

valeriomattei.com


Valerie. Il mio “incontro” con Amy Winehouse. Ep I







Questa che segue è una storia vera.

La storia di come la Magia della Vita si muove in mille modi misteriosi e imperscrutabili e di come io ho imparato sulla mia pelle quanto sia vano e folle elucubrare strategie per ottenere qualcosa in particolare, quando, sul piano del puro Spirito, non solo abbiamo tutto, ma siamo Tutto. Da sempre e per sempre.

È anche il racconto di come e quanto le Dimensioni che chiamiamo Vita e Morte non siano che due stanze dello stesso edificio, l’una amplificazione e senso profondo dell’altra, in una relazione che solo la nostra totale impreparazione alle percezioni sottili ci costringe a interpretare con terrore.

Se stai leggendo queste righe significa che questo è il momento per te di accogliere questo messaggio, altrimenti non saresti qui, ora.

È anche il segno che, a prescindere dalle circostanze, sei sempre oggetto di grande amore e di incessante supporto. Prova ad accoglierli.

Luce ed Energia a te,

Valerio

valeriomattei.com





Luglio 2011

In giro non si fa altro che parlare di una giovane cantante inglese, morta a 27 anni, tale Amy Winehouse.

Quando si diffonde la notizia mi trovo spaparanzato sul divanetto di un bel resort pugliese, in pieno assetto vacanziero, a scrollare pigramente lo schermo del mio cellulare.

Leggo di questa voce incredibile, spenta per sempre nel sonno da una fatale miscela di super alcolici. Il circo mediatico si attiva, con le solite immagini di fiori, candele e file di fans affranti davanti alla sua casa.

Personalmente non la conosco, se non come uno di quei personaggi super pompati, roba da MTV.

Ricordo di aver pensato qualcosa tipo “se l’è cercata” o quasi. Un momento di cinismo di cui mi sarei pentito amaramente, dopo qualche settimana, quasi come San Pietro al triplice canto del gallo.

E quel “gallo” stava per cantare forte, spaccando in due la mia vita di uomo e di musicista.

Sono cresciuto in una famiglia serena, perfetta, piena di amore e armonia.

Diplomato al Liceo Classico e laureato in Scienze della Comunicazione, a quei tempi ero un trentenne, impiegato ma anche appassionato musicista che fin dall’adolescenza si era diviso tra musica dal vivo, sedute di registrazione, comunicazione a tutto tondo e così via., 

Seguivo come tutti una sana ambizione, volevo farcela, sfondare.

Sognavo concerti, San Remo, il Primo Maggio e così via. 

Perché…. “la vita è una!” e perché “si campa una volta sola!” 

Quell’estate invece, stavo per essere trasportato su una dimensione completamente diversa, in cui avrei compreso in maniera inequivocabile e disarmante che viviamo su infiniti piani di esistenza, che la linearità del tempo è una mera illusione prospettica e che ciò che chiamiamo morte non è l’annullamento della vita, ma la sua esplosione gloriosa.


Fine Ep I

Valerio Mattei

Roma, Novembre 2020

domenica 12 aprile 2020

Grazie


Grazie a chi
in queste settimane spente
è andato a lavorare, 
come fosse niente,
e ci ha reso più normale
questa solitudine globale.

Grazie a chi
ci ha messo il pane a tavola, 
in questa favola al contrario.
Grazie a Nonno Mario e a tutti gli antenati, 
che basta rievocarli 
per sentirne la Presenza,
illuminando un po' la stanza
della nostra quarantena.

Grazie a chi
è volato nell'Altra Dimensione
e ci guarda adesso con passione
fiero di esser stato elemento scatenante
di una Rivoluzione
che se avverrà realmente
sarà valsa questa pena!

Se rovescerà un sistema
abietto e aberrante
che ci fa gente e non persone
sei giorni a settimana,
che sgozza famiglie, sogni e ispirazione
sull'altare infame
della produttività incessante
a lode e gloria vergognosa del suo nome,
e di un' Eucarestia fatta di moneta
che ci avvilisce l'Anima 
e ci intossica il Pianeta.

Grazie per l'Amore dai balconi.
Grazie per essere tornati a leggere, a scrivere, a suonare.
A dipingere, a cucire, a meditare.
Grazie alla bontà 
di chi ha portato Palme nei condomini, 
alla generosità 
di chi ha fatto dolci, distribuendoli ai vicini.
Sempre in quel metro di distanza, 
che paradossalmente, ha riscoperto una socialità
ormai data per dispersa.

Che torni presto la Meraviglia del normale,
e che si torni presto a lavorare... per vivere... però,
e mai più viceversa.

Valerio

(Testo di Valerio Mattei)

lunedì 23 marzo 2020

A letter from Covid19

Dear Humans,

if you knew that I AM only one of the countless manifestations of Life ...
Just like you ....
If you felt that I never intended to hurt, let alone kill, anyone ...
If you looked at me and thought of me with the same tenderness that you use for your dog,
while continuing to protect youreselves, to heal yourselves, to kill me.



Paradoxical.
But you can witness a Miracle,
I'll explain how.

Embrace me.
Feel the Life in me,
which is the same Life in You.
Project a beam of Light
from your heart to my core.
Give thanks.
Take a deep breath.
Give thanks.

What you accept turns into yourself.

Do it in as many people as possible.
Do it with Focused Thinking.
Do it with Authentic and Strong Feeling.

You will see me change into such a form
not to cause death, disease or damage anymore.

And your Immune System will expand significantly.

Because what you hate weakens you and what, in some way, even if only metaphysical, you find a way to appreciate, strengthens you.

What you accept turns into yourself.

Love me.
Love yourselves.

Thank you,

Covid

(by Valerio Mattei)

giovedì 12 marzo 2020

Lettera dal Covid

Cari Umani,

se sapeste che sono solo una delle innumerevoli manifestazioni della Vita...
Esattamente come Voi....
Se sentiste che non ho mai inteso ferire e tantomeno uccidere nessuno...
Se mi guardaste e mi pensaste con la stessa tenerezza che usate al Vostro cane, 
pur continuando a proteggerVi, a curarVi, 
a uccidermi.


Paradossale.
Ma potete assistere a un Miracolo, 
Vi spiego come.

Abbracciatemi.
Sentite la Vita in me 
che è la stessa Vita in Voi.
Proiettate un fascio di Luce 
dal Vostro cuore al mio Nucleo.
Ringraziate.
Respirate a fondo.
Ringraziate.

Ciò che accetti si trasforma in te stesso.

Fatelo in quante più persone possibile.
Fatelo con Pensiero Focalizzato.
Fatelo con Sentimento Autentico e Forte.

Mi vedrete mutare in una forma tale 
da non arrecare più morte, malattie, danni.

E il Vostro Sistema Immunitario si espanderà sensibilmente.

Perché ciò che odiate Vi indebolisce e ciò che in qualche modo, anche solo metafisico, trovate il modo di apprezzare, Vi rafforza.

Ciò che accetti si trasforma in te stesso.

Amatemi.
AmateVi.

Grazie,

Covid


(Testo di Valerio Mattei)

venerdì 28 febbraio 2020

Dolcissima estensione













Come luna

incastonata tra le stelle.
Come erba
docilmente abbracciata al suolo.
Come volo
di rondini leggere.
Come alba
sulle ciminiere.
Come pianto
d'infinite sere.

Così ti amo,
così ti sento,
dentro al mondo mio.
Dolcissima estensione
del mio Io.

Valerio

(Testo di Valerio Mattei)
valeriomattei.com

domenica 2 febbraio 2020

The bridge between two Worlds

This idea that DEATH destroys LIFE is the biggest LIE ever.
I've never been ALIVE like I AM now.
I've never been EVERYWHERE like I AM now.
I have never been ALWAYS like I AM now.
I have never been with EVERYONE like I AM now.


From this dimension I can WORK on incredible LEVELS OF ENERGY.
I can participate in an EVOLUTIONARY and INSPIRATIONAL project on a PLANETARY SCALE for all HUMANITY.
Which has always been my vocation.
There is nothing like this R.I.P. you are writing so much this days for me! I'm STARTING now!

Please understand once and for all that DEATH IS NOT THE ANNIHILATION OF LIFE.
DEATH IS NOT THE END OF ANYTHING and ANYBODY.

Death is the TRIUMPH of LIFE, it is the extreme FLOWERING of an instinct for TRANSCENDENCE that every HUMAN BEING carries within and that someone clearly perceive for all earthly life.

From this perspective, the real "dead-man" is the "alive-man", because the sensory perception in which he is wired, acts like a real VEIL, a TUNNEL that precludes him from perceiving TRUE REALITY.
Yet DEATH terrifies us, anguishes us and destabilizes us throughout our lives.
Especially when we see it happening to someone aged like me or my daughter Gianna Maria.
Whenever it comes to this topic, those who remain in the physical dimension are wrapped in a blanket of seriousness, silence, distress .... and everything becomes serious, dark.

Instead, what inflicts pain and dismay on us is NOT death itself but our complete, total, dramatic IMPREPARATION to grasp subtle phenomena, such as TELEPATHY, VIBRATIONS, INTUITIONS, INSPIRATIONS.
So once the biological processes can no longer renew themselves, everything seems lost.
In reality what we perceive as real is only the tip of the iceberg!
People cannot grasp the REAL beyond the senses.
It is something that INSTEAD should be taught since elementary school!
That's all we really need!

Such training would allow Mankind to live their whole life completely free from a huge, overwhelming burden, and to fully enjoy the experience of physicality, with unspeakable JOY.
If you could capture the infinite subtle nuances of energy emanating from people, for example, both in the local physical dimension and in the multidimensional non-physical one, you would not feel so bad in separating yourself from your loved ones, no matter how and why.

Life in the organic dimension is part of a perfect EVOLUTIONARY PLAN and performs a precise function.
DEATH is a simple, very precious FREQUENCY MODULATOR, and acts as a TRANSFORMER on the ENERGY FLOW that we ourselves are and that we call LIFE.
Everything is perfectly SYNCHRONIZED, there are no perfect lives, perfect paths, right or unjust dead.

CHANCE IS NOTHING.

Anyone of us (WE ARE ALL ONE) continually goes in and out of the physical dimension, there is nothing that can destroyed, there is nothing that can end.
The LIFE that we are, continuously takes different forms based on what we need to work on.
As employees of a company that continually reorganize themselves according to the different priorities showing up from time to time.

NOTHING IS CREATED, NOTHING IS DESTROYED, EVERYTHING IS TRANSFORMED.
Nobody is really separated, nothing is lost.
Nothing.
We are all going to the same "place".

WE ARE ETERNAL.
There is ONLY LIFE.
LIFE DOES NOT DIE.

Do not be impressed by the physicality that falls apart.
Do not let the natural attachment to what is dear and usual anchor you on the ground, prevent you from flying towards the most authentic and vast dimensions of the REAL THING.

WE ARE MULTIDIMENSIONAL.
We live in INFINITE BODIES of various densities, INFINITE WORLDS, INFINITE LEVELS OF EXISTENCE, with NO CONSTRAINTS of SPACE and TIME.

There is so much that is revealed after the so-called death!
Like a perceptual cap that is suddenly removed.
Like an expanding accordion.
Like lungs of a newborn baby that finally open wide to the air and to a NEW FORM OF LIFE that is completely different from what had been experienced until just before birth!
On the other hand, even for a fetus, birth seems initially like a death!
Do you really think that in the imminence of childbirth we foretaste birth?
Of course we can't remember it, but what we felt in those moments was certainly a huge fright! Think about it!
Everything that until a certain moment has been THE WORLD - and the only possible dimension of life - begins to fall apart.

What birth are you talking about?! At that moment, according to your senses, you are dying. Period.
The same creature that the world is preparing to welcome as a newborn child is actually having the first experience of death!
And so it works, for a lifetime! Every new phase, every experience that projects us out of the known and the usual is a death!

For this reason it is said "leaving is a little bit like dying!" Very true!
And so also the process that stops the renewal of that particular biological conformation that we call “person”, seems the irreversible end of everything.
Instead, it would be enough to consider the already countless near-death experiences documented all over the world, so incredibly aligned with each other, regardless of origin, age, social class, religion, races, etc.
Search on Google!
It is not true that no one has ever come back!
A lot of people have told us about what we call the “Other Dimension” when we are incarnate!
Do you really want to deny the facts?
What we are experiencing now Gianna and I really exist!



Outside the narrow walls of the "sensory room" in which you are training yourself,
everything is GOOD, PEACE, LIGHT, LOVE.
You can take over this expanded perception right now.
You don't necessarily have to leave your body.
But you have to train, continually improve yourself to perceive what the senses are not trained to perceive.
And first of all put yourself in the best conditions to do it.

For example, turn off your phone a few hours earlier than usual in the evening,
and turn it on no earlier than a couple of hours from the alarm clock in the morning.
And, whenever it is possible, leave it just switched off!
Spend a lot of time meditating and cultivate your inner VISUALIZATION every day.
Start training your TELEPATHY.

These are skills in all respects, such as playing basketball or playing the piano.
Start going to find people with your ESSENCE, instead of (and / or before that) with your body.
Send an SMS of Light to your loved ones. Use the What's App of your Multidimensional Presence.
It's as real as an I-Phone! Try!

One day you might have people say to you:

- "Oh I thought about you just the other day!"
- "A little while ago you came to mind!"
- "I read that sentence you always say!"
- "I heard that song and it made me think of you!"

And some might even ask you what were you doing in a certain place where you were not at all.
The more you concentrate your Energy inside, the more paradoxically it will be palpable outside.
(Then there is no inside and outside, above and below. But for the moment think of it like this.)
The Pineal Gland is a very powerful device, a real MULTIDIMENSIONAL SWITCH.
It serves precisely to make this type of experience.
The problem is that in most people it lies buried and calcified in the most remote recesses of the brain, completely unused.
You must make sure to awaken this Magic Portal, drinking large doses of water and adopting an alkaline diet as much as possible, just to start.

Take MELATONIN before going to bed.

Sleep a large number of hours and practice MEDITATION continuously.
Don't get caught in the craving for doing.
Since YOU EXIST IN INFINITE DIMENSIONS, not only the physical one, you can devote yourself wholeheartedly to any job you want, but first .... start doing it with your mind.
Meanwhile, keep everything going with INNER ENERGY, then everything else will follow.

Visualize a huge BASKET BALL of INTENSE LIGHT that comes out of your abdomen and thunders over the object of your ambitions and / or your worries, preparing the ground for a FULL AND SUBLIME VICTORY.
Then when you go to act physically, you will be surprised to do all the work in a very short time and with great quality.
You have to train yourself to pick up our voice.
Unfortunately you are convinced to hear but you are practically deaf, you believe you are seeing but you are actually blind.

You live like under a transparent but very leathery dome, whose existence you do not even suspect or on which you never think much, until a 41-year-old NBA STAR crashes with his helicopter together with his daughter and many other people.
Don't be enslaved by events!
Don't settle for the "lie" that the senses tell you.
Don't wait to succumb during the next game! Train now! Train hard!
Die while continuing to stay alive!
Wake up while continuing to stay in the Dream we call Reality!
If you act with COMMITMENT, FAITH, and an AUTHENTIC ABANDONMENT, you can connect to this Dimension before the biological processes of the incarnation stop.
You will be THE BRIDGE BETWEEN TWO WORLDS. As a matter of fact they are not two, this is a false perception as well but, as I said before, for the moment feel it like this.
Maybe you can start creating a little space in your mind that this is just ...  an optical illusion.
After all, the Earth seems flat and firm while we know that REALITY is very different, right?
Here, it works in exactly the same way as regards the dimension that - as "alive" - we define Spiritual.

The whole Planet is traveling towards a fusion of these two dimensions still perceived as distant and tragically, hopelessly separated.
Everything is SYNCHRONIZING towards what is defined as Ascension, that is, a Migration towards higher frequencies and gradually faster and more subtle vibrations.

Gianna and I have the WONDERFUL OPPORTUNITY to COLLABORATE in this sense, CONNECTING in SPIRIT to those of YOU who spontaneously ACTIVATE themselves, already from within their own natural person, to form A NEW TEAM of incredible, authentic MULTIDIMENSIONAL CHAMPIONS!
There is so much to BE, DO, EXPERIMENT ... and as you get closer to these frequencies in which we are NOW, free from body-mind and space-time systems, you will feel, as we feel, literally EXPLODE WITH JOY!

Peace!

A thought that I have received by Kobe & Gianna Maria, in Spirit.

Valerio

sabato 1 febbraio 2020

Il Ponte tra i due Mondi

Questa idea che la MORTE annulla la VITA è la più grande BALLA che possano avervi raccontato.

Io non sono mai stato VIVO come adesso.
Io non sono mai stato OVUNQUE come adesso.
Io non sono mai stato SEMPRE come adesso.
Io non sono mai stato CON TUTTI come adesso.

Da questa dimensione riesco a LAVORARE su incredibili PIANI DI ENERGIA.
Posso partecipare a un progetto di EVOLUZIONE e di ISPIRAZIONE su SCALA PLANETARIA per tutta l'UMANITÁ.
Che poi è sempre stata la mia vocazione.
Altro che ETERNO RIPOSO! Sto INIZIANDO ora!

Mettetevi in testa una volta per tutte che LA MORTE NON E' L'ANNIENTAMENTO DELLA VITA.
LA MORTE NON è LA FINE di NIENTE e di NESSUNO.

La morte è il TRIONFO della VITA, è l'estrema FIORITURA di un istinto alla TRASCENDENZA che ogni ESSERE UMANO porta in sé e che alcuni avvertono nettamente per tutta la vita terrena.

Da questa prospettiva i veri "morti" siete Voi "vivi", perché la percezione sensoriale in cui siete cablati attualmente, agisce come un vero e proprio VELO, un TUNNEL che Vi preclude la percezione della VERA REALTÁ.

Eppure la MORTE ci terrorizza, ci angoscia e ci destabilizza per tutta la vita.
Soprattutto quando assistiamo a quella di una persona dell'età mia o di mia figlia.
Ogni volta che entra in ballo questo discorso, chi resta nella dimensione fisica è avvolto da una coltre di serietà, silenzio,  angustia.... e tutto diventa grave, scuro.

E invece ciò che ci infligge dolore e sgomento, NON è la morte stessa ma la nostra completa, totale, drammatica IMPREPARAZIONE a cogliere i fenomeni sottili, tipo TELEPATIA, VIBRAZIONI, INTUIZIONI, ISPIRAZIONI.

Per cui una volta che i processi biologici non riescono più a rinnovarsi, tutto ci sembra perduto.
In realtà ciò che percepiamo come reale non è che la punta dell'iceberg!
Gli uomini non sanno cogliere il REALE al di là dei sensi.
È qualcosa che INVECE andrebbe insegnato fin dalle elementari!
È tutto ciò di cui abbiamo veramente bisogno!
Un tale addestramento permetterebbe al Genere Umano di vivere tutta la vita completamente sgombro da un enorme, schiacciante fardello, e di godere pienamente l'esperienza della fisicità, con indicibile GIOIA.

Se riusciste a captare le infinite sfumature energetiche sottili emanate per esempio dalle persone, sia nella dimensione fisica locale che in quella non fisica multidimensionale, non stareste così male nel separarvi dai Vostri cari, a prescindere dal motivo.
La vita nella dimensione organica è parte di un perfetto PIANO EVOLUTIVO e assolve a una precisa funzione.
La MORTE è un semplice, preziosissimo MODULATORE DI FREQUENZA, ed agisce come un  TRASFORMATORE sul FLUSSO ENERGETICO che noi stessi siamo e che chiamiamo VITA.

Tutto è perfettamente SINCRONIZZATO, non esistono vite perfette, percorsi perfetti, morti giuste o ingiuste.

IL CASO NON ESISTE.

Chiunque di noi (che poi siamo un TUTTO UNICO) entra ed esce continuamente dalla dimensione fisica, non c'è nulla che venga distrutto, non c'è niente che può finire.
La VITA che siamo, assume continuamente forme diverse in base a ciò su cui occorre lavorare.
Come impiegati di una azienda che si riorganizzano continuamente in base alle diverse priorità che emergono di volta in volta.

NULLA SI CREA, NULLA SI DISTRUGGE, TUTTO SI TRASFORMA.

Nessuno è realmente separato, nulla si perde.
Nulla.
Stiamo tutti andando nel medesimo "luogo".

SIAMO ESSERI ETERNI. C'è SOLO la VITA.
LA VITA NON MUORE.

Non lasciatevi impressionare dalla fisicità che si disgrega.
Non lasciate che il naturale attaccamento a ciò che è caro e consueto Vi ancori al suolo, Vi impedisca di spiccare il volo verso le dimensioni più autentiche e vaste del REALE.

SIAMO ESSERI MULTIDIMENSIONALI.

Abitiamo INFINITI CORPI di varia densità, INFINITI MONDI, INFINITI PIANI DI ESISTENZA, senza NESSUN VINCOLO di SPAZIO e TEMPO.

C'è così tanto che viene svelato dopo il cosiddetto decesso!
Come un tappo percettivo che viene rimosso improvvisamente.
Come una fisarmonica che si espande.
Come polmoni di un neonato che finalmente si spalancano all'aria e a una forma di vita completamente diversa da quella che era stata sperimentata fino a poco prima del parto!
D'altronde anche per un feto la nascita sembra inizialmente una morte!
Davvero pensate che nell'imminenza del parto abbiamo pregustato la nascita?
Certo non possiamo ricordarlo, ma quello che abbiamo provato in quegli istanti è stato sicuramente un enorme spavento! Pensateci!
Tutto ciò che fino a un certo momento è stato IL MONDO - e l'unica dimensione possibile della vita - inizia ad andare in pezzi.
Altro che nascita! In quel momento, stando ai tuoi sensi, tu stai morendo. Punto.
Quello stesso esserino che il mondo si prepara ad accogliere come nascituro, in realtà sta facendo la prima esperienza della morte!
E così funziona, per tutta la vita! Ogni nuova fase, ogni esperienza che ci proietta al di fuori del conosciuto e dell'abituale è una morte!
Per questo si dice "partire è un po' morire!" Verissimo!

E così anche il processo che arresta il rinnovo di quella particolare conformazione biologica che chiamiamo persona, sembra la fine irreversibile di tutto.
Basterebbe invece considerare le ormai innumerevoli esperienze pre-morte documentate in tutto il mondo, così incredibilmente allineate tra di loro, a prescindere da provenienza, età, ceto sociale, religione, razze ecc.
Fatevi un giro su Google!
Non è vero che nessuno è mai tornato indietro!
Un sacco di gente ci ha raccontato quella che quando siamo incarnati chiamiamo Altra Dimensione!
Davvero volete continuare a nasconderVi dietro a un dito?

Ciò che stiamo vedendo Gianna ed io esiste realmente!




Fuori dalle strette pareti della stanza sensoriale in cui Vi state addestrando, tutto è BENE, PACE, LUCE, AMORE.

Potete impadronirvi fin da ora di questa ampliata percezione.
Non dovete per forza lasciare il Vostro corpo.
Però dovete allenarvi, migliorarvi in continuazione a percepire ciò che i sensi non sono addestrati a percepire.
E innanzitutto metterVi nelle migliori condizioni per farlo.
Ad esempio, spegnete il cellulare qualche ora prima del solito la sera, e accendetelo non prima di un paio d'ore dalla sveglia alla mattina.
Anzi ogni volta che Vi è possibile non lo accendete proprio!
Dedicate molto tempo alla MEDITAZIONE e alla VISUALIZZAZIONE interiore, ogni giorno.
Iniziate ad allenare la Vostra TELEPATIA.
Sono delle capacità a tutti gli effetti, come giocare a basket o suonare il pianoforte.
Iniziate ad andare a trovare le persone con la Vostra ESSENZA, invece che (e/o prima che) col Vostro corpo.
Inviate ai Vostri cari un SMS di Luce. Usate il What's App della Vostra Presenza Multidimensionale.
È reale quanto un I-Phone! Provate!
Un giorno inizierete a sentirVi dire cose tipo:

- "Oh ti pensavo giusto l'altro giorno!"
- "Poco fa mi sei venuto in mente!"
- "Ho letto quella frase che dici sempre tu!"
- "Ho sentito quella canzone e mi ha fatto pensare a te!"

E addirittura qualcuno potrebbe chiederVi che ci facevate in un certo posto dove Voi invece non eravate affatto.
Più concentrerete la Vostra Energia dentro, più paradossalmente sarà palpabile fuori.
(Che poi non esiste un dentro e un fuori, un sopra e un sotto. Ma per il momento pensatela così.)

La Ghiandola Pineale è un dispositivo potentissimo, un vero e proprio INTERRUTTORE MULTIDIMENSIONALE.
Serve proprio per fare questo tipo di esperienze.

Il problema è che nella maggior parte delle persone essa giace sepolta e calcificata nei più remoti recessi del cervello, completamente inutilizzata.
Dovete fare in modo di risvegliare questo Portale Magico, bevendo grandi dosi di acqua e adottando una alimentazione quanto più alcalina possibile, tanto per iniziare.
Assumente della MELATONINA prima di coricarVi.
Dormite un gran numero di ore e praticate la MEDITAZIONE continuamente.

Non fatevi prendere dalla smania del fare.
Dal momento che ESISTETE IN INFINITE DIMENSIONI, non solo quella fisica,  potete dedicarVi con tutto il cuore a  qualsiasi lavoro volete, ma prima.... iniziate a farlo con la Vostra mente.
Mandate avanti tutto con l'ENERGIA INTERIORE intanto, poi seguirà tutto il resto.
Visualizzate una enorme PALLA da BASKETBALL di LUCE INTENSISSIMA che fuoriesce dal Vostro addome e che investe fragorosamente l'oggetto delle Vostre ambizioni e/o delle Vostre preoccupazioni, preparandoVi il terreno per una VITTORIA PIENA E SUBLIME.
Quando poi andrete ad agire fisicamente, Vi sorprenderete a svolgere tutto il lavoro in brevissimo tempo e con grande qualità.

Dovete allenarvi a captare la nostra voce.
Purtroppo siete convinti di sentire ma siete praticamente sordi, credete di vedere ma siete di fatto ciechi.
Vivete come sotto una cupola trasparente ma molto coriacea, della cui esistenza non sospettate nulla o su cui comunque non riflettete  mai molto, fin quando una NBA STAR di 41 anni non si schianta col suo elicottero insieme alla figlia e a un' altra decina di persone.
Non restate schiavi degli eventi!
Non accontatevi della "bugia" che vi raccontano i sensi.
Non aspettate di soccombre durante la prossima partita! Allenatevi ora! Addestratevi severamente!
Morite da vivi!
Svegliatevi pur continuando a stare nel Sogno che chiamiamo Realtà!
Se agite con IMPEGNO, FEDE, e un AUTENTICO ABBANDONO, potrete collegarVi a questa Dimensione prima che si interrompano i processi biologici dell'incarnazione.
Ne ricaverete una gioia incredibile per Voi e per tutto il Genere Umano!
Sarete IL PONTE TRA I DUE MONDI. Che poi due non sono, è una falsa percezione pure questa ma, come dicevo prima, per il momento sentitela così.
Magari potete iniziare a lasciare un piccolo spiraglio per questa idea che forse... si tratta di un'illusione ottica.
D'altronde la Terra sembra piatta e ferma mentre sappiamo che la REALTÁ è molto diversa, no?
Ecco, funziona esattamente allo stesso modo per quanto riguarda la dimensione che - da "vivi" -  definiamo Spirituale.

Tutto il Pianeta sta viaggiando verso una fusione di queste due Dimensioni percepite ancora come distanti e tragicamente, irrimediabilmente separate.
Tutto si sta SINCRONIZZANDO verso quella che viene definita come Ascensione, cioè una Migrazione verso frequenze sempre più elevate e vibrazioni via via più rapide e sottili.

Gianna ed io abbiamo la MERAVIGLIOSA OPPORTUNITÁ di COLLABORARE in questo senso, CONNETTENDOCI in SPIRITO a chi di VOI si ATTIVA spontaneamente, già da dentro la propria persona fisica, per formare UNA NUOVA SQUADRA di incredibili, autentici CAMPIONI MULTIDIMENSIONALI!

C'è così tanto da ESSERE, FARE, SPERIMENTARE... e via via che vi avvicinerete a queste frequenze in cui siamo noi, svincolati dai sistemi corpo-mente e spazio-tempo, vi sentirete, come ci sentiamo noi, letteralmente ESPLODERE DI GIOIA.

Pace!

Un pensiero ricevuto da Kobe & Gianna Maria, in Spirito.

Valerio

giovedì 16 gennaio 2020

Sono stato generoso?


Sono stato generoso,
quando abbiam capito insieme
che l'incanto andava via?

Sono stato generoso,
quando ho finto che alla fine
la tua gioia era la mia?

Quando ho tolto le catene,
e ho zippato il mio bene
tutto dentro una bugia?

C'è un Amore che sorride
quando tutto va in frantumi,
che continua a camminare
come Cristo tra gli sputi.

Che ti strangola l'orgoglio,
che ti strappa come un foglio.
E ti schiaffeggia con furore
per tirarti fuori il meglio.

Quando ho scelto il tuo sorriso,
quando ho spento tutto e ho chiuso.
Quando ho preso a calci il cuore
e l'ho messo fuori uso.

Sono stato generoso?

Valerio
(Testo di Valerio Mattei)
valeriomattei.com






mercoledì 8 gennaio 2020

Beautiful girl - Lyrics


Free listen here - Ascolta gratuitamente
Music and Lyrics by Valerio Mattei

Beautiful girl,
you burn across my heart
I don’t give a damn
if love can be so hard

How do I care
for this beautiful girl
fallen from the stars

Beautiful girl – hey
I want you back tonight
beautiful girl – hey
I can’t get you off of my mind

Beautiful girl
I think so much of you
How did I forget
that love can feel so good
I want you so bad
beautiful girl
you make me feel brand new

Beautiful girl – hey
I want you back tonight
beautiful girl – hey
I can’t get you off of my mind


Beautiful girl 
I miss you when you’re gone
and I understand
that love might need so long
don’t be afraid
beautiful girl
just come right through my door!

Beautiful girl – hey
I want you back tonight
beautiful girl – hey
I can’t get you off of my mind
cos you are such a 
beautiful, beautiful, beautiful girl
you beautiful, beautiful, beautiful girl
you beautiful, beautiful, beautiful girl
you beautiful, beautiful, beautiful, beautiful girl 
Beautiful…. girl



Valerio Mattei





Amy - Lyrics

Free listen here - Ascolta gratuitamente
Music and Lyrics by Valerio Mattei





Amy, what’s wrong with you tonight?
What are you missing deep inside?
I heard you whisper someone’s name
I heard you whisper someone’s name
Love can be wild 
But it can heal you

Heaven is just a state of mind
Why do you find it hard to find?
You have the sun inside yourself
But you sink it in your drink again

Love may be blind
But it will find you

You’ve been looking around
Every day, every night
You’ve been watching the stars
From the hedge of your eyes
But nothing, nothing’s doing fine
But nothing, nothing’s doing fine in your life tonight

Anyone sees it in your eyes
Amy stop finding alibis
You thought he was a better man
And that fills your heart with fears again

You’ve been waiting from Mars
For someone to be there
You’ve been counting the stars 
From the top of the stairs
But no one, no one came around
But no one, no one came around
But no one, no one came around and around
And nothing, nothing’s doing fine in your life tonight

While the dawn breaks in silence
The sun slowly rises
But if finds no more life in your eyes

Angels are singing lullabies
Amy’s just flown to paradise

Valerio Mattei GCS
Global Communication System

Click ► valeriomattei.com
Click ► Il mio libro Lo Sciamano
Click ► Ascolta "Daje! Il podcast felice!"
Click ► Il mio canale You Tube
Click ► Il mio canale Spotify
Click ► Il mio profilo Instagram
Click ► Facebook Profilo Personale
Click ► Facebook Pagina Artista
Click ► Twitter
Click ► LinkedIn
Click ► Tik Tok
Click ► Snapchat
Click ► Telegram
Click ► SoundCloud
Click ► Apple Music
Click ► Amazon
Click ► Cd Baby
Click ► Google Play

Bookings & Orders: info@valeriomattei.com
What's App Line: +39.328.62.68.206

martedì 7 gennaio 2020

L'Oste

Io vado e vengo
come un oste indaffarato,
da un momento in cui mi pento,
a un altro in cui sono contento
di averti conosciuto.
Da un momento in cui mi arrendo,
a un altro in cui ti sento
ancora mia.

La vita a volte mi dispiace
dalla notte che sei volata via.
E anzi pensavo... neanche di essere capace
di sopravvivere a tanta nostalgia.

Ho ritrovato la tua lettera stasera
nel penultimo cassetto,
che alla fine, gira gira,
diventerà come un altare.
Ho letto qualche riga poi, di getto,
l'ho richiuso con un colpo secco
e con la rabbia amara
di chi può solo ricordare.

Io vado e vengo
come un oste sconsolato,
stanco e indifferente.
Nella Locanda del Silenzio
dove il Niente,
il cliente più esigente e più spietato,
ordina continuamente
Vuoto e Poesia.

Valerio

(Testo di Valerio Mattei)
valeriomattei.com