mercoledì 30 ottobre 2019

Rinunciare

Lasciare correre,
osservare,
rendersi invisibili
eppure stare.
E mordersi la lingua
fino a farsela cadere.
E legarsi le mani
fino a farle sanguinare.
Amore così grande
da restare ad aspettare.
Amore così amore 
da riuscire a rinunciare.

Valerio
(testo di Valerio Mattei)



Valerio Mattei 

venerdì 25 ottobre 2019

Il display



















E non rispondo
ai suoi messaggi,
velocemente come vorrei.
Così ogni tanto,
per tutto oggi,
vedrò il suo nome...
sul mio display.

Valerio





(testo di Valerio Mattei)

Valerio Mattei 

venerdì 18 ottobre 2019

Che altro inventerai


Che altro inventerai,
per tendermi la mano 
e avermi ovunque vai?
Che altro inventerai,
per essermi vicino
in tutti i viaggi miei?
E più vado lontano
più sento che ci sei.
Che altro inventerai,
per dirmi ancora "sempre"
nel nostro grande "mai"?

Valerio

(testo di Valerio Mattei)












Valerio Mattei 

venerdì 11 ottobre 2019

L'abitudine

E' un' abitudine la nostalgia,
e alla fin fine fa compagnia.

Ma io ti voglio talmente bene,
che certe sere,
mi sento male.
E poi ti voglio talmente sempre,
che certamente,
è meglio mai.
Perché ogni volta che te ne vai,
ti porti via dieci anni miei.
E la magia dei nostri "hei..."
e quei silenzi che rivivrei...
li conosciamo soltanto noi.

E' un' abitudine la nostalgia,
e alla fin fine..... non va più via.

Valerio
(testo di Valerio Mattei)

lunedì 7 ottobre 2019

Io Sono


Tratto dal mio libro "Lo Sciamano"

Tu hai ragione, io ho torto.
Tu sei vivo, io morto.
Tu spieghi, io ascolto.
Io niente, tu molto.
A me è dato, a te è tolto.
Tu compri, io vendo.
Tu accendi, io spengo.
Tu lotti, io mi arrendo.
Tu sali, io scendo.
Tu affondi, io splendo.
A te la cima, a me il fondo.
A me la Pace, a te il mondo.
A te i poli, a me il Centro.
A me l’Adesso, a te il tempo.
A me il vuoto, a te il pieno.
A me il silenzio, a te il tuono.
Tu sogni, Io Sono.

Valerio

(testo di Valerio Mattei)









Valerio Mattei 

mercoledì 2 ottobre 2019

Resta









Ti auguro la mia felicità,

di quando appari sul display.

Ti auguro la mia serenità 
di quando sento che ci sei.

La passione con cui ti invento
quando invece te ne vai.

E i "poi ti dico" e i "poi ti chiamo"
che sono un unico, infinito  "io ti amo".

Sarà finito il dramma? 
Davvero basta?
Sarà finita qui la scuola? 
Può iniziare la mia festa?

Resta.
Resto.
Resta.

Valerio
(testo di Valerio Mattei)

Valerio Mattei