giovedì 26 dicembre 2019

Il ventisei

Il ventisei,
che giorno strano.
Ricordo ancora la sua mano
sul pianoforte, 
in aeroporto.
E sono nato.
E sono morto.
E son volato oltre le Porte.

La percezione che si spalanca.
Comunicazione che non si stanca.

Con nuova forma,
con nuovi modi,
sembra che dorma
poi torna in piedi.
Pensieri non casuali,
messaggeri puntuali.
Sincronia da far paura.
Telepatia. 
Magia pura.

Il ventisei,
che arcobaleno.
Dovevo stare un'ora al piano
e poi tornarmene a casa mia.

E invece lei.
mi dà la mano
e dopo sale su un aeroplano
che non l'ha mai
portata via.

Valerio

(Testo di Valerio Mattei)

Photo by V. Mattei
Editing by Sonia Burzì

martedì 17 dicembre 2019

Più di ieri


Mi dissi: “Chiamo”
ma certi pensieri strani
mi convinsero che non c’eri.
Lasciai detto che ti amo
molto meno di domani,
molto, molto più di ieri.

Valerio
valeriomattei.com

mercoledì 11 dicembre 2019

There will be a time to fall in love - Lyrics

Free listen here - Ascolta gratuitamente
Music and Lyrics by Valerio Mattei

There will be a time 
to fall in love
something divine
will turn you on

It looks like none of us
ever really cares
that nothing is enough
if it can’t be shared

There’ll be a time to fall in love
when we will find a way home

There will be some place
to fall in love
maybe my waves
will find their shore

I always sit and wait
when the night is blue
behind my window pane
for somebody new

There’ll be some place to fall in love
when my embrace will melt with yours

I wake up some days
with clouds on my mind
but I’am gonna live them so far behind

There will be a time to fall in love
Or how will we survive away from home?

Why do we miss
anything more?
when we just need God blessing our souls
how will we stand without falling… in love

Hey, it will be so fine
to fall in love

(Brano di Valerio Mattei)


venerdì 6 dicembre 2019

Essere te


Vorrei sapere cosa ti resta
quando il silenzio spegne la festa
e io non sono vicino a te.

Vorrei indicarti la risposta
a quel ronzio che hai nella testa
e che ti stressa senza un perché.

Ma se le mie idee ti vanno strette,
se le mie mani sono manette,
la mia uscita dalla tua vita
sarà il più grande dono che c’è.

Perché amo gli angoli del tuo sorriso
e il tuo cuore leggero e acceso,
più dell’idea che un tal paradiso
sia e sarà sempre tutto per me.

Perché “ti amo” non sia “pescare”
come “ti fucilo” sta per “sparare”
perché l’Amore sia un Portale
al nostro più alto e più vero Sé.

Ma quando sei persa nella foresta
e sconquassata dalla tempesta,
l’unica cosa che ti resta
è camminare verso te stessa.

E quindi essere...
Essere te.

Valerio


(testo di Valerio Mattei)
valeriomattei.com

venerdì 29 novembre 2019

Sessanta ore

Sessanta ore...
Sessanta ore...

Questo è quanto possiamo stare,
senza scriverci, interagire.

Sessanta ore...
Sessanta ore...

Nessuna onda rimane al mare.
Come un aereo deve atterrare.
Come un bambino deve mangiare.
Come un cervello deve dormire.
Noi ci dobbiamo riavvicinare,
ricontattarci, comunicare.

Quando si illumina il cellulare
ed esce il nome sull'anteprima,
si ferma il cuore, si accende un sole.
Facciamo scendere la tendina,
senza azzardarci a visualizzare,
se non nel giro di poche ore.

E' una melina da manuale
per non rischiare di rovinare
tutto il lavoro distanziatore
di queste ultime sessanta ore.

Poi una faccina,
qualche stellina,
al massimo due parole
e via di nuovo dentro il cratere
dove ribollono in continuazione
le nostre vite parallele.

Sessanta ore...
Sessanta ore...

E' il massimo della pazienza,
il top dell'indifferenza
che riusciamo a simulare,
per questo amore che il Cielo vuole
mentre il mondo se ne ha a male,
e ci rinchiude in due galere
quello che ormai è un solo cuore.

Sessanta ore...
Sessanta ore...

Nessuna onda rimane al mare.
Quello che va deve tornare,
quello che è in basso deve salire,
quello che è in alto deve cadere.

Sessanta ore...
Sessanta ore...

Ritmo magico e naturale.
Ora stringere, ora allentare.
Ora prendere, ora lasciare
Ora esserci, ora mancare.

Sessanta ore...
Sessanta ore...

Niente come l'Amore
mostra che il tempo non è reale.

Valerio

(testo di Valerio Mattei)
valeriomattei.com

martedì 26 novembre 2019

Libera la Musica che brucia dentro te!

Scroll for English version.
Free listen here - Ascolta gratuitamente

Tutti ci troviamo prima o poi a sperimentare una condizione di stallo.
Il lavoro, le relazioni, il posto dove viviamo... una serie di fattori che prima o poi ci fanno capire che è ora di guardare altrove, di espandersi, di crescere, di uscire dalla zona di comfort.
Attenzione però: il viaggio principale è sempre quello interiore. Inutile che giri il Mondo se non hai compreso profondamente chi sei, che fai, e dove vai.

Le esperienze sono fondamentali ma la Vita ci offre già tanto anche nella nostra città, sul posto di lavoro, a scuola e in generale nella nostra attuale rete di rapporti più immediati.

L'illuminazione è in come processi i fatti e quindi nel tuo cuore, non sull' Himalaya.
Andare è ok se vai per andare A, non per scappare DA.
Insomma il Mondo è dentro di noi, quello che sta fuori è un insieme fondamentale di strumenti per operare dentro.

Quello che è certo è che in qualsiasi situazione ti trovi, prima o poi devi liberare la tua Forza, la tua Verità, la tua Luce, la tua Musica.
Come ebbe a dire Wayne Dyer: "non morire con la tua Musica ancora in te".

E tirala fuori allora questa Musica, faccela sentire.

Valerio

Valerio Mattei GCS
Global Communication System

Click ► valeriomattei.com
Click ► Il mio libro Lo Sciamano
Click ► Ascolta "Daje! Il podcast felice!"
Click ► Il mio canale You Tube
Click ► Il mio canale Spotify
Click ► Il mio profilo Instagram
Click ► Facebook Profilo Personale
Click ► Facebook Pagina Artista
Click ► Twitter
Click ► LinkedIn
Click ► Tik Tok
Click ► Snapchat
Click ► Telegram
Click ► SoundCloud
Click ► Apple Music
Click ► Amazon
Click ► Cd Baby
Click ► Google Play

Bookings & Orders: info@valeriomattei.com
What's App Line: +39.328.62.68.206




Free listen here - Ascolta gratuitamente

We all come to a point where we feel stuck.
Work, relationships, where we live... a whole scene that start telling us it is time to look somewhere else, to expand, to grow, to go outside of our comfort zone.
Beware though: the main trip is inside. No use to travel the World if you haven't deeply realized who you are, what you are doing and where you are going.
Experiences are basic but Life already offers so much even in our neighborhood, in our city, in our workplace, at school and in general within our most immediate relationships.

Enlightment resides in how you process facts, that is, in your heart, not on Himalayas.
To go is ok if you go for the sake of going TO, not to run FROM.
The World is inside of us, not outside, what's outside is a fundamental whole of tools to operate inside.

It is certain that, whatever is your actual scene, sooner or later you will have to set your Strenght, your Truth, your Light, your Music, FREE.
As Wayne Dyer once said: "Don't die with your Music still in you"

So go ahead bring on this Music, let us hear it.

Valerio

Valerio Mattei GCS
Global Communication System

Click ► valeriomattei.com
Click ► Il mio libro Lo Sciamano
Click ► Ascolta "Daje! Il podcast felice!"
Click ► Il mio canale You Tube
Click ► Il mio canale Spotify
Click ► Il mio profilo Instagram
Click ► Facebook Profilo Personale
Click ► Facebook Pagina Artista
Click ► Twitter
Click ► LinkedIn
Click ► Tik Tok
Click ► Snapchat
Click ► Telegram
Click ► SoundCloud
Click ► Apple Music
Click ► Amazon
Click ► Cd Baby
Click ► Google Play

Bookings & Orders: info@valeriomattei.com
What's App Line: +39.328.62.68.206

venerdì 8 novembre 2019

Io foglia




Io foglia,
figlia del mio ramo,
oggi cado e affondo nel terreno,
per nutrire l’albero, mio padre.
E ne sarò pertanto madre,
benché figlia,
per poi ricominciare.
Io foglia,
che come tutto ciò che è in alto,
cade.
Io, foglia, figlia e madre,
nell’eterno divenire.

Valerio

(testo di Valerio Mattei)

Valerio Mattei GCS
Global Communication System

Click ► valeriomattei.com
Click ► Il mio libro Lo Sciamano
Click ► Ascolta "Daje! Il podcast felice!"
Click ► Il mio canale You Tube
Click ► Il mio canale Spotify
Click ► Il mio profilo Instagram
Click ► Facebook Profilo Personale
Click ► Facebook Pagina Artista
Click ► Twitter
Click ► LinkedIn
Click ► Tik Tok
Click ► Snapchat
Click ► Telegram
Click ► SoundCloud
Click ► Apple Music
Click ► Amazon
Click ► Cd Baby
Click ► Google Play

Bookings & Orders: info@valeriomattei.com
What's App Line: +39.328.62.68.206

giovedì 7 novembre 2019

Ti ho restituita

Ti ho restituita
alla tua vita
come un pesciolino al mare.

Ti ho ridata 
alla tua strada
come un buon navigatore.

Ora la mia mano è vuota,
non ti può più accarezzare.


Mentre l' aluccia che ti ho curata
è già tornata a decollare.

Forse questo deve essere l'amore:
aiutarci a ritrovarci,
per poi lasciarci andare.

Così che anche rincontrarci,
un giorno,
sia fantastico e normale.
Come dormire e risvegliarsi,
come inspirare ed espirare.

Ti ho restituita
alla tua vita,
anche se ti am(AV)o  da morire.

Valerio

(testo di Valerio Mattei)

Valerio Mattei GCS
Global Communication System

Click ► valeriomattei.com
Click ► Il mio libro Lo Sciamano
Click ► Ascolta "Daje! Il podcast felice!"
Click ► Il mio canale You Tube
Click ► Il mio canale Spotify
Click ► Il mio profilo Instagram
Click ► Facebook Profilo Personale
Click ► Facebook Pagina Artista
Click ► Twitter
Click ► LinkedIn
Click ► Tik Tok
Click ► Snapchat
Click ► Telegram
Click ► SoundCloud
Click ► Apple Music
Click ► Amazon
Click ► Cd Baby
Click ► Google Play

Bookings & Orders: info@valeriomattei.com
What's App Line: +39.328.62.68.206

mercoledì 30 ottobre 2019

Rinunciare

Lasciare correre,
osservare,
rendersi invisibili
eppure stare.
E mordersi la lingua
fino a farsela cadere.
E legarsi le mani
fino a farle sanguinare.
Amore così grande
da restare ad aspettare.
Amore così amore 
da riuscire a rinunciare.

Valerio


(testo di Valerio Mattei)


Valerio Mattei GCS
Global Communication System

Click ► valeriomattei.com
Click ► Il mio libro Lo Sciamano
Click ► Ascolta "Daje! Il podcast felice!"
Click ► Il mio canale You Tube
Click ► Il mio canale Spotify
Click ► Il mio profilo Instagram
Click ► Facebook Profilo Personale
Click ► Facebook Pagina Artista
Click ► Twitter
Click ► LinkedIn
Click ► Tik Tok
Click ► Snapchat
Click ► Telegram
Click ► SoundCloud
Click ► Apple Music
Click ► Amazon
Click ► Cd Baby
Click ► Google Play

Bookings & Orders: info@valeriomattei.com
What's App Line: +39.328.62.68.206

venerdì 18 ottobre 2019

Che altro inventerai


Che altro inventerai,
per tendermi la mano 
e avermi ovunque vai?
Che altro inventerai,
per essermi vicino
in tutti i viaggi miei?
E più vado lontano
più sento che ci sei.
Che altro inventerai,
per dirmi ancora "sempre"
nel nostro grande "mai"?

Valerio

(testo di Valerio Mattei)











Valerio Mattei GCS
Global Communication System

Click ► valeriomattei.com
Click ► Il mio libro Lo Sciamano
Click ► Ascolta "Daje! Il podcast felice!"
Click ► Il mio canale You Tube
Click ► Il mio canale Spotify
Click ► Il mio profilo Instagram
Click ► Facebook Profilo Personale
Click ► Facebook Pagina Artista
Click ► Twitter
Click ► LinkedIn
Click ► Tik Tok
Click ► Snapchat
Click ► Telegram
Click ► SoundCloud
Click ► Apple Music
Click ► Amazon
Click ► Cd Baby
Click ► Google Play

Bookings & Orders: info@valeriomattei.com
What's App Line: +39.328.62.68.206

venerdì 11 ottobre 2019

L'abitudine

E' un' abitudine la nostalgia,
e alla fin fine fa compagnia.

Ma io ti voglio talmente bene,
che certe sere,
mi sento male.
E poi ti voglio talmente sempre,
che certamente,
è meglio mai.
Perché ogni volta che te ne vai,
ti porti via dieci anni miei.
E la magia dei nostri "hei..."
e quei silenzi che rivivrei...
li conosciamo soltanto noi.

E' un' abitudine la nostalgia,
e alla fin fine..... non va più via.

Valerio
(testo di Valerio Mattei)

lunedì 7 ottobre 2019

Io Sono


Tratto dal mio libro "Lo Sciamano"

Tu hai ragione, io ho torto.
Tu sei vivo, io morto.
Tu spieghi, io ascolto.
Io niente, tu molto.
A me è dato, a te è tolto.
Tu compri, io vendo.
Tu accendi, io spengo.
Tu lotti, io mi arrendo.
Tu sali, io scendo.
Tu affondi, io splendo.
A te la cima, a me il fondo.
A me la Pace, a te il mondo.
A te i poli, a me il Centro.
A me l’Adesso, a te il tempo.
A me il vuoto, a te il pieno.
A me il silenzio, a te il tuono.