Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2017

Il giorno che un piano mi salvò la vita

Immagine
Non stavo bene quel giorno. Combattuto, ansioso, innamorato, smanioso di averla di nuovo. Quella storia mi stava distruggendo...  c'era qualcosa di tossico, avvincente, ambivalente che mi stav a portando fuori di testa....eppure la volevo. Ma c'era un volo di mezzo.   E un maledetto mare. Una distanza infame che non mi faceva capire dove caspita voleva e p oteva andare quella relazione. E quel mare, quel giorno, ce l'avevo dentro. Onde altissime e tremende mentre esco di casa e ancora di più quando inizio a percorrere il corridoio delle partenze nazionali, al Terminal 1 dell'Aeroporto Leonardo da Vinci, evitando accuratamente gli assalti  di venditori e rappresentanti vari che flagellano aeroporti, stazioni e centri commerciali. Ma la Musica non mi ha mai abbandonato, e senza saperlo stavo per accorgermi che non avrebbe fatto eccezione neanche stavolta. Improvvisamente spunta un pianoforte. Cosi, davanti a uno dei gate aeroportuali. Un

Ho lasciato il cuore a.... Bagno Maria

Immagine
Arrivi a Santa Maria al Bagno (LE), sullo Ionio, e per incanto ti trovi su un lungomare incantevole con bar, luoghi di ritrovo molto raffinati e immediatamente sotto un mare turchese da isola deserta. Qui - dopo un soggiorno nella deliziosa Borgagne - mi sono rigenerato la scorsa estate tra la meravigliosa gente del posto, come Anna e Cosimo, Alessia e Mauro...che ho avuto il privilegio di conoscere in questo magnifici posti. E su tutto questo, regna allegra la magia, la musica e l'atmosfera del Bagno Maria, con la Sua spiaggia finissima, il Suo bar sempre animato e ricco e l'aria di festa... h24! Come dimenticare la notte di Ferragosto e i tanti party sul mare che mi hanno permesso di distrarmi, di ripartire, di staccare da tutto e da tutti. A Voi un grande GRAZIE... cosi come alla Vostra terra e alla Vostra gente sempre calda, sincera e accogliente. Nel momento in cui scrivo è suggestivo vedere i Vostri panorami coperti di neve, è qualcosa di fantastico. Ma come dice il

Scriveresti una canzone per mia figlia?

Immagine
"Scriveresti una canzone per mia figlia che sta per nascere?"   Qualche anno fa, Agostino, il mio collega mi ferma cosi per il corridoio dell’azienda dove lavoriamo. Resto un po' interdetto... "cosi su due piedi non saprei"..... "mai scritto a richiesta" . Eppure qualcosa si è innescato...e da li a qualche giorno la musica e il testo di Lontano erano pronti. A dir la verità il ritornello era già nella mia testa da qualche anno con un abbozzo di testo completamente diverso, in cui citavo una ragazza di cui ero stato innamorato diversi anni prima. E comunque nel testo sono poi confluite tante emozioni....tutte frutto, come sempre, di quello che raccogliamo dalla nostra interazione con la vita. Il tempo è passato e la piccola Giulia, che all'epoca era nella pancia della mamma Bianca, anche lei mia collega di lavoro...è cresciuta e oggi è come la vedete nella foto...insieme alla mamma e al papà. Fin da adolescen